Cultura imprenditoriale nelle scuole del Fvg

Secondo la Commissione Ue, chi a scuola ha sperimentato progetti di mini-impresa ha tra il 15 e il 20 per cento in più di possibilità di mettersi in proprio in futuro. E, secondo Confcooperative Fvg, lo può fare anche creando una cooperativa. Con queste premesse l'organizzazionr cooperativa ha tenuto a battesimo il progetto “Raggiungi l'Impresa” e l’ha presentato sul Bando Progetti Speciali delle scuole della regione per l'anno scolastico 2015/2016. A partire dal mese di marzo, nel progetto saranno coinvolti 120 studenti dell’Isis “Linussio-Solari” di Tolmezzo, dell’Itas “Sabbadini” di Pozzuolo del Friuli, dell’Itas “Brignoli” di Gradisca d’Isonzo e dell’Isis “Pertini” di Staranzano.

A partire dal 2011, Confcooperative Fvg ha coinvolto complessivamente ben 2.189 studenti delle scuole secondarie di secondo grado in progetti e percorsi di simulazione d’impresa o di cultura imprenditoriale.

«Iniziative come queste sono un'ottima occasione per rafforzare il raccordo tra scuola e lavoro e  avranno un ruolo via via più strategico nei Piani dell'Offerta Formativa anche perché previste e raccomandate nell'ambito dell'Alternanza Scuola Lavoro», sostiene Vittorio Borghetto, dirigente scolastico del “Linussio”, istituto capofila della rete di istituti scolastici coinvolti.

«È fondamentale per noi il lavoro con le scuole – aggiunge Nicola Galluà, segretario generale di Confcooperative Fvg - sulla tematica della creazione d'impresa e dell'imprenditorialità cooperativa in quanto contribuisce a favorire la nascita di nuove imprese di giovani ed è un vero e proprio investimento per il futuro dell'economia dei nostri territori».

Il progetto, mira a sensibilizzare gli studenti all'"imprenditorialità", una delle 8 competenze fondamentali, secondo la Commissione Europea, necessarie a sviluppare e maturare una cittadinanza attiva, in particolare attraverso l'esperienza della simulazione d'impresa cooperativa (Associazione Cooperativa Scolastica). Qui gli studenti si trovano infatti a doversi confrontare tra loro (l'Assemblea dei soci), a doversi organizzare dandosi dei ruoli precisi (l'organizzazione delle attività da fare insieme), a  lavorare per obiettivi e cimentarsi nella soluzione dei problemi.

Ai ragazzi verrà richiesto di costituirsi in cooperativa, di individuare il prodotto o servizio da proporre sul proprio territorio, elaborare un business plan per pianificarne la distribuzione e presentare un video di promozione del progetto d'impresa. È anche previsto il coinvolgimento diretto del mondo cooperativo con la realizzazione di "workshop" nei quali i cooperatori presenteranno agli studenti la propria impresa, le attività che svolge, il mercato di riferimento e le professionalità che vi operano. A conclusione del progetto, a maggio, sarà realizzato un evento in cui verranno presentati tutti i video promozionali elaborati dagli studenti sul proprio progetto d'impresa e, in quell'occasione, saranno premiati i migliori.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.