I villaggi operai della SNIA in mostra a Torviscosa

La collezione fotografica della SNIA Viscosa - Caffaro, una delle più importanti raccolte italiane di fotografia industriale, regala una nuova mostra che sarà inaugurata il 7 ottobre al CID Centro Informazione Documentazione di Torviscosa, la città friulana costruita quasi dal nulla proprio dalla SNIA Viscosa negli anni Trenta. È a Torviscosa, infatti, che si conservano le 7mila lastre fotografiche dell'archivio storico della SNIA, ora tutte digitalizzate e accessibili online dal sito del CID (www.cid-torviscosa.it).
L'esposizione, intitolata “La casa a chi lavora. Villaggi operai e strutture sociali aziendali nelle fotografie e nei documenti dell'Archivio storico SNIA Viscosa” riguarda 17 diverse località italiane, sedi di altrettanti stabilimenti del gruppo SNIA accanto ai quali, a partire dagli anni Venti, la società aveva fatto costruire case per operai e altri edifici a carattere sociale. Alcune immagini sono scaricabili qui.

Inaugurazione
La mostra sarà inaugurata sabato 7 ottobre, alle ore 18.00, e introdotta da due interventi. Il primo è di Giorgio Ravasaio, presidente dell'Associazione Crespi d'Adda, un altro villaggio operaio italiano molto noto iscritto nelle liste del Patrimonio dell'Umanità UNESCO. Il secondo intervento è invece di Bruno Bertero, direttore marketing di PromoTurismoFVG, che accennerà ai possibili modelli per rispondere alle sfide poste dal turismo culturale in Friuli Venezia Giulia. Negli ultmi anni, infatti, Torviscosa è stata meta di migliaia di visitatori interessati sia all'aspetto dell'archeologia industriale, sia a quello storico e urbanistico delle città di fondazione. Assieme a Palmanova e Aquileia, oggi entrambe siti UNESCO, Torviscosa, a sua volta iscritta nella Rotta culturale europea ATRIUM, forma una eccezionale triade di “città fondate”.

La mostra nel dettaglio
Le località rappresentate nell’esposizione sono Torino, Venaria Reale e Altessano (TO), Carrù (CN), Lavagna (GE), Pavia, Cesano Maderno (MB), Varedo (MB), Clusone (BG), Cogno (BS), Casino Boario (BS), Campione del Garda (BS), Padova, Torviscosa (UD), Roma, Rieti e Napoli. Le fotografie che le rappresentano sono stampate per una piccola parte (da 8 a 20 fotografie per località), ma l’intera sezione della raccolta, per un totale di circa 1.000 immagini, è accessibile molto più efficacemente nel formato digitale in altissima definizione per mezzo di touch screen.
Il titolo, “La casa a chi lavora”, ripete quello di un ambizioso progetto previdenziale della SNIA degli anni Quaranta, che prevedeva la costruzione di molti alloggi che gli operai avrebbe potuto riscattare dopo alcuni anni di lavoro. Nella realtà il progetto si ridusse poi solo a qualche decina di case che si aggiunsero ai vari villaggi costruiti negli anni Venti. Negli anni Cinquanta, infine, il patrimonio immobiliare si amplia nell'ambito del Piano “INA casa” più noto come “Piano Fanfani”.

Titolo della mostra: La casa a chi lavora. Villaggi operai e strutture sociali aziendali nelle fotografie e nei documenti dell'Archivio storico SNIA Viscosa
A cura di: Comune di Torviscosa
Apertura: dal 7 ottobre al 5 novembre 2017. Sabato e domenica, ore 15.00 – 19.00
Inaugurazione: 7 ottobre, ore 18.00
Sede: CID Centro Informazione Documentazione - piazzale Marinotti 1, Torviscosa (UD)
Ingresso gratuito
Info: cultura@com-torviscosa.regione.fvg.it

Potrebbero interessarti anche...