Disintegrata al rientro senza danni a terra la navetta russa Progress M-27M

Si può tornare ad alzare gli occhi al celo con una preoccupazione di meno, infatti si è disintegrato entrando nell'atmosfera terreste il cargo spaziale russo Progress M-27M sfuggito dopo il mancato attracco con la stazione spaziale al controllo degli operatori dell'agenzia spaziale russa . La navetta del peso di oltre 2,5 tonnellate si bruciata quasi completamente rientrando ed i pochi resti, che avrebbero però potuto causare guai fossero finiti su zone abitate, sono precipitati nell'Oceano Pacifico alle 4,04 ora italiana. La notizia è stata resa nota dell'agenzia spaziale russa Roscomos e riferita dai media russi. La Progress era stata lanciata il 28 aprile scorso dal comosdromo kazako di Baikonur con un carico di rifornimenti per la Stazione Spaziale Internazionale (Iss) ma l'aggancio non era riuscito e i russi avevano perso il controllo del mezzo non riuscendo più a riprenderlo.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.